Peroni snc

Stampi in silicone: le domande più diffuse

domande su stampi in silicone

Gli stampi in silicone per dolci rappresentano una relativa novità in pasticceria, ed è quindi normale avere qualche domanda sul loro utilizzo: ecco le risposte alle questioni più comuni

In cucina siamo abituati, da sempre, a usare i materiali più differenti. Parliamo di utensili in metallo, in legno, in vetro, in ceramica e via dicendo. Negli ultimi anni tra i fornelli e i tavoli da lavoro sono arrivati prepotentemente anche gli accessori in silicone, dalle spatole fino, ovviamente, agli stampi in silicone per dolci.

Questi ultimi permettono di approcciarsi in un modo nuovo alla pasticceria, e di raggiungere risultati decisamente rivoluzionari nella preparazione di ricette tradizionali e, soprattutto, moderne. È però normale avere qualche domanda intorno all’uso degli stampi in silicone: rispondiamo quindi alle domande più diffuse!

Le risposte alla domande più diffuse sugli stampi in silicone

Sono sicuri per la salute?

Qualcuno si domanda, giustamente, se gli stampi in silicone siano o meno sicuri a livello di salute. Il dubbio nasce da alcune indagini fatte nei primi anni Duemila, sui primissimi stampi in silicone presentati sul commercio. Ebbene, le suddette immagini evidenziarono come alcune forme per dolci in silicone fossero caratterizzate, al momento dalla cottura, da una sensibile migrazione di sostanze verso il dolce. Ora per fortuna gli stampi in silicone sono decisamente più sicuri, e uno studio svizzero – fatto dalla rivista per consumatori Ktipp – ha dimostrato che queste forme per dolci sono assolutamente esenti da migrazioni rischiose. L’importante è acquistare stampi in silicone di qualità, dei marchi più conosciuti e affermati. Per maggiore sicurezza, per dissipare ogni possibile dubbio, è poi possibile fare una prima cottura “a vuoto” nel forno, per essere assolutamente certi di non avere a che fare con migrazioni di sostanze verso il dolce.

Sono utilizzabili anche in freezer?

Sì, gli stampi in silicone sono utilizzabili in forno, in frigo e in congelatore. Le temperature di utilizzo, come spiegano i produttori, sono generalmente comprese tra i – 60 gradi e i + 230 gradi, anche se il consiglio generale è quello di non superare i 200 – 210 gradi, per prolungare al massimo la durata di questi utilissimi accessori da cucina.

È necessario imburrare gli stampi?

Molti produttori affermano che gli stampi non devono essere imburrati prima di versare l’impasto e procedere con la cottura. Questo permette di cucinare con meno grassi, a tutto beneficio della salute; per avere la certezza che il dolce non si attacchi nemmeno un po’ è in ogni caso possibile ungere leggermente lo stampo, in particolar modo al primo utilizzo.

Come lavare gli stampi?

Gli stampi in silicone per dolci possono essere lavati sia in lavastoviglie – meglio senza brillantante liquido – che a mano, utilizzando dei detersivi per piatti non particolarmente aggressivi. É poi da evitare l’utilizzo di spugne abrasive!

Posso piegarli?

Certo, tra i vantaggi degli stampi in silicone c’è la loro grande flessibilità, utile per sformare agevolmente i dolci nonché per ridurre al minimo il loro ingombro.

Fai una ricerca per…

Hai bisogno d'aiuto?
Orari assistenza clienti
Lun-Ven 9.30-16.00 | Sab 9.30-12.30
Whatsapp Zendesk Avatar Whatsapp
Messenger Zendesk Avatar Messenger
Live chat Zendesk Avatar